giovedì 5 marzo 2009

Mi vergogno di essere tarantino


Ormai si è sorpassato ogni limite alla decenza e la cosa che più fa rabbia è che i politicanti e il popolo bue li voteranno anche!



MOTTOLA ERANO PRESENTI ALLA CERIMONIA I PARLAMENTARI GIOVANNI FAVA, MASSIMILIANO FEDRIGA E ALBERTO TORAZZI

La Lega ora punta al Sud e il progetto parte dalla Puglia Inaugurata ieri sera la prima sezione politica in tutta la regione

FRANCESCO FRANCAVILLA

• MOTTOLA (TA) . Parte da Mottola il progetto della Lega Nord per la Puglia. Ieri sera via Risorgimento è stata chiusa al traffico per permettere l’inaugura - zione dela sede al n. 62. Tanta gente, molti curiosi e i sindaci di Mottola Quero e di Laterza Cristella, invitati dal referente locale Angelo Laterza. Tre gli onorevoli della Lega, Giovanni Fava (coordinatore per il centro sud), Massimiliano Fedriga e Alberto Torazzi (referenti per la Puglia), scesi dal Nord per prepararsi a partecipare alle prossime competizioni elettorali, dove hanno promesso di essere presenti con il loro simbolo del Carroccio. Ma c'è anche la promessa che nelle loro liste non ci sarà un solo rappresentante del Nord. Presenti anche Antonio Dell’Omo, responsabile elettorale per Bari, ed Enrico Pau, responsabile organizzativo per il centro sud.
“Non vogliamo colonizzare nessuno - ha subito esordito l’on. Torazzi -, il nostro impegno sarà quello di dare un contributo, un supporto alla risoluzione dei problemi, senza contrapposizione e con la possibilità di confrontarci”. Il sindaco di Mottola Quero ha chiarito che la presenza della Lega Nord in Puglia non spaventa nessuno, pur in presenza di molti pregiudizi. “E' importante solo metterci nella condizione - afferma Quero - di partire alla pari, partendo dal federalismo fiscale non fa paura. Bisogna solo chiarire l’approccio”.
La calata della Lega al centro e al sud è il risultato, secondo gli onorevoli del Carroccio, della “crescente attenzione dei cittadini meridionali ai temi della sicurezza, del federalismo, della lotta all’immig razione clandestina, che da sempre fanno parte del patrimonio politico e programmatico della Lega Nord”. Ed è proprio questo il motivo che li ha convinti a cercare di radicarsi anche nelle regioni del sud. Lo stesso on. Torazzi lo ha fatto intendere, anche se non lo ha detto apertamente. Lo scopo sarà quello di rappresentare un movimento trasversale che possa prendere i consensi dei cittadini scontenti. E alla proposta di Franceschini di dare un salario ai disoccupati Torazzi ha risposto che si tratta di una proposta negativa “perchè non punta allo sviluppo, a differenza della Lega Nord sta proponendo di allargare gli ammortizzatori sociali”. Per le prossime elezioni provinciali in terra jonica ci potrebbe anche essere una lista del Carroccio. Saranno fatte proposte - ha affermato l’on. Torazzi -. “Se ci saranno gli uomini giusti vuol dire che ci muoveremo, altrimenti aspetteremo”. Per il momento Angelo Laterza, il mottolese che ha organizzato il partito sulla collina, resterà il collaboratore della Lega Nord a Roma che si occuperà della promozione del progetto Lega Nord sul territorio.

(Gazzetta del Mezzogiorno 04/03/2009)

9 commenti:

BC. Bruno Carioli ha detto...

Fra poco aprirà sezioni in tutti i paesi del mediterraneo.

Dario ha detto...

ho modificato l'emendamento. dacci un occhiata

Leftorium, il blog Riformista ha detto...

Non è che schierarsi col pdl sia molto meglio, specie a certe latitudini... per la verità.


Il trasformismo è un vizio antico della politica(?) del nostro paese. Gramsci sosteneva che in Italia non esistono partiti ma cricche e consorterie che all'interesse collettivo antepongono quello particolare, parassita.

Evidentemente non è cambiato niente da allora.

NICOLA NATALE ha detto...

La sottomissione culturale e psicologica alla rozza politica della Lega è evidente già per il solo fatto di aprire una sezione della Lega e non chiamarla nemmeno Lega Sud.

Ci tolgono risorse, ci insultano, ci ignorano quando va bene e questi li ringraziano anche.
Ma che male ho fatto io?

articsnow ha detto...

vergogna! non basta che ci scippano i fondi, che ci insultano ad ogni occasione e che ci trattano da "razza inferiore", li accogliamo pure a braccia aperte! vergogna! svegliatevi! noi non siamo la colonia di nessuno, nè tantomeno di polentoni che si credono la "razza ariana"! ... e poi dicono che il sud va a rotoli...............

filippoe ha detto...

E per queste cose quanto di vergogni?????

- Quote Rosa. Avvicendamento Venneri-Tarantino. E nomina di Domenico Mosca a direttore generale. I gruppi di opposizione alla Provincia sferrano un duro attacco nei confronti dell’amministrazione Florido. Stamattina la conferenza stampa del centrodestra per discutere delle questioni in ballo. A farsi portavoce dei capigruppo il sindaco di Laterza, Giuseppe Cristella (Pdl) che non ha risparmiato critiche al presidente Florido. Insieme a Cristella, Mario Cito (At6), Nino Castiglia (la Puglia prima di tutto), e Domenico Rana (gruppo indipendente). Sul caso quote rosa «Il presidente si è comportato da dilettante. Lo statuto lo aveva cambiato lui stesso. E sapeva del ricorso di Taranto futura. Tanto clamore anche sui media nazionali per poi nominare un solo assessore donna. Come dire, la montagna ha partorito un topolino - ha detto Cristella - se non cinque come chiede l’avv Russo, le donne in giunta dovrebbero essere almeno due, tre. Non ci è piaciuto neanche il fatto che il presidente abbia scaricato le colpe sui partiti che hanno indicato solo uomini. Sta a lui nominare la giunta, avrebbe potuto chiedere una rosa di nomi che includesse anche donne e poi scegliere, come ha fatto dopo la sentenza». Ma c’è di più. «In un momento in cui non ci sono soldi e l’attività della giunta è praticamente ferma, i soldi si trovano solo per le nomine allo staff del presidente; tra auto blu e telefonini 800mila euro in un anno; per noi quei soldi andrebbero impiegati in altro, nelle scuole, per i servizi e per gli anziani». C’è poi la questione della nomina del direttore generale «Mosca è stato bocciato dagli elettori e viene recuperato in questa maniera pur non avendone i requisiti. Cosa c’entra un ingegnere informatico con questo incarico quando ci sono laureati in scienze politiche ed economia all’interno dell’ente?». L’avvicendamento tra Venneri e Tarantino? «E’ una faida interna alla maggioranza, i ricorsi li stanno presentando loro, non l’opposizione» A questo proposito, è stato convocata per il 5 ottobre la seduta che segnerà l’ingresso del sindaco di San Giorgio al posto di Tarantino tra i banchi del consiglio provinciale a seguito della sentenza del Tar. Sarà eletto il presidente del consiglio, fino ad oggi posto coperto da Tarantino.

Pietro_d ha detto...

sono molto incavolato io.... al ballottaggio ho votato il meno peggio...ma mi sto pentendo....

mi sono stufato di votare "il meno peggio". è arrivato il momento di votare il migliore...

articsnow ha detto...

guarda che stiamo commentando l'"invasione" della lega nord al sud (grazie a qualcuno che glielo permette)... poi su quello che dici tu riguardo le quote rosa sono d'accordissimo con te, ma riguardo telefonini, auto blu... informati bene e vedrai che non è nè la prima nè l'ultima amministrazione che fa cose del genere, o nord o sud o est o ovest che sia, come si dice, ognuno conosce il proprio...

Anonimo ha detto...

presto arriveranno di nuovo i croatin an radrizzarvi la schiena,Tomislav Bato