sabato 21 giugno 2008

Summer school " Politica e pubblica amministrazione"

Pubblico sul blog la presentazione di una interessante iniziativa di Pugliariformista che si terrà dal 11 al 13 luglio 2008 a Castellaneta Marina. Ringrazio Giulia Di Pierro per l'informazione.

Info sul sito di pugliariformista.

SUMMER SCHOOL " POLITICA E PUBBLICA AMMINISTRAZIONE"
Le ragioni dell'etica e della pratica

L'associazione Puglia Riformista organizza la 1^ Summer School denominata "Politica e Pubblica Amministrazione". La scuola rivolta innanzitutto agli amministratori locali e a giovani studiosi e ricercatori nell'ambito della P.A. ha come obiettivo principale quello di fornire gli strumenti idonei all'analisi e alla comprensione dei fenomeni che dal' emanazione della L. 142/1990, passando per la riforma del Titolo V sino al recente D.L. 93/2008 (decreto "Tremonti"), hanno profondamente cambiato l'agire degli enti locali.
Con il decentramento delle competenze gli amministratori si trovano, oggi, a dover garantire il soddisfacimento di innumerevoli bisogni, percepiti dai cittadini come fondamentali, nonché a gestire i servizi di interesse generale (trasporti, sanità, istruzione, servizi sociali e reti acqua-energia) secondo gli indirizzi della U.E., raccolti nel libro bianco e libro verde sui Servizi di interesse generale. A questo però si contrappone una netta riforma della P.A. in materia di finanza pubblica ovvero di trasferimenti e vincoli di bilancio anch'essa effettuata in coerenza con i principi stabiliti dal patto di stabilità e crescita stipulato nel 1997 tra tutti gli Stati Membri della U.E..
Quando si parla di politica in Italia, specie nel Mezzogiorno, è facile cadere nella retorica di una classe politica che fa del proprio ruolo amministrativo un momento per una mera gestione di potere fine a se stessa. Questa percezione è figlia del rapporto complesso tra politica ed economia. Sempre più spesso l'economia meridionale ancora troppo fragile, è pesantemente condizionata dai flussi finanziari della pubblica amministrazione, spesso gestiti con scarso senso etico.
Le difficoltà più evidenti nella gestione dei principali servizi indispensabili ne sono la riprova. I pesanti ritardi su sanità, gestione dei rifiuti, politiche sociali e ambientali finiscono per essere il risultato di un rapporto perverso tra politica autoreferenziale e pubblica amministrazione asservita a logiche clientelari.
Quali effetti ha prodotto il processo di riforma avviato nella P.A.?
E' possibile riuscire a gestire la "cosa pubblica" in modo trasparente mettendo le istituzioni al servizio di tutti i cittadini? È possibile ripristinare il rapporto fiduciario tra l'amministratore e cittadini?
Questi e tanti altri gli interrogativi a cui si tenterà di rispondere durante le tre giornate di studio.





5 commenti:

scrooge ha detto...

mmh, ma quanto costa? un saluto.

Anonimo ha detto...

100 euro per gli studenti, 200 per gli under 35 non studenti, 300 per hli over 35! olè!

Pietro_d ha detto...

per le proteste, rivolgersi all'organizzazione con la quale non ho niente a che fare!

cmq per tre giorni di vitto e alloggio compreso nel prezzo in una località di mare nel periodo di luglio 100€ non sembrano troppi...
certo che forse si poteva anche tenere ancora più basso.

innoxius ha detto...

Wow, ma chi è stato espulso ieri da Kilombo?

Pietro_d ha detto...

spb, ma in realtà è stato solo sospeso